Home Musica Max De Aloe presenta dal viva “Bjork on the Moon”
Max De Aloe presenta dal viva “Bjork on the Moon”

Max De Aloe presenta dal viva “Bjork on the Moon”

31
0

Giovedì 28 febbraio, alle ore 22.00, al MEMO RESTAURANT di Milano, MAX DE ALOE presenterà dal vivo il nuovo disco BJORK ON THE MOON. Sul palco MAX DE ALOE sarà accompagnato da Roberto Olzer (pianoforte), Marco Mistrangelo (contrabbasso) e Nicola Stranieri (batteria) con la straordinaria partecipazione di Marlise Goidanich (violoncello barocco).

Disponibile nei negozi tradizionali, su iTunes e negli altri digital store, “Bjork on the Moon” (Abeat Records/IRD), sarà il primo LP 180 grammi HIGH QUALITY (in 500 copie numerate) ad essere pubblicato dall’etichetta jazz Abeat Records e, sulle piattaforme digitali, sarà tra i primi dischi in Italia ad essere disponibile in alta definizione HD per audiofili (24 bit 88 kilohertz).

“Bjork on the moon” raccoglie 12 brani del repertorio di Bjork in cui MAX DE ALOE si addentra nelle armonie della cantante islandese per estrarne un sound jazz d’avanguardia. Il disco vede anche la straordinaria partecipazione della violoncellista brasiliana Marlise Goidanich.

MAX DE ALOE nasce a Busto Arsizio il 18 marzo 1968. Inizia gli studi di musica come pianista per poi dedicarsi all’armonica cromatica. Con all’attivo ben nove dischi come leader e una ventina come side-man, MAX DE ALOE è considerato dalla stampa specializzata tra i più attivi armonicisti jazz in Europa. Ha collaborato con musicisti jazz di fama internazionale come Kurt Rosenwinkel, Adam Nussbaum, Bill Carrothers, Eliot Zigmund, Mike Melillo, Don Friedman, Garrison Fewell, Dudu Manhenga, Franco Cerri, Renato Sellani, Gianni Coscia, Gianni Basso e Dado Moroni. Ha anche composto musiche per documentari e spettacoli teatrali e ha collaborato con Lella Costa, Oliviero Beha e con lo scrittore Paolo Nori. Inoltre, è fondatore e direttore dal 1995 del Centro Espressione Musicale di Gallarate ed è stato docente dell’Accademia d’Arti e Mestieri dello Spettacolo del Teatro alla Scala di Milano.

(31)

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close