Home Moda&Style Moda, in passerella il bianco di Taslaq.
Moda, in passerella il bianco di Taslaq.

Moda, in passerella il bianco di Taslaq.

44
0

Bianco come il colore dell’Est dove ogni giorno sorge il sole: luminosita’ e purezza sono il ‘leit motiv’ della nuova collezione primavera-estate dello stilista palestinese Jamal Taslaq, che sfilera’ domenica 31 gennaio all’hotel Regis di Roma (ore 17) all’interno di World of Fashion, evento creato da Nino Graziano Luca e giunto con successo alla sua 16esima edizione.

Da troppi considerato un colore-non colore, nelle creazioni di Taslaq il bianco si mostra vivace, audace ma allo stesso tempo candido ed innocente; arricchito da lavorazioni con colori delicati, disposti in equilibrio cromatico.

Gli abiti da sera hanno l’assoluta predominanza, pensati per una donna solare e raffinata ma con un carattere deciso. Tagli sapienti e caleidoscopici giochi di intarsi danno vita a vere opere d’arte.Seta, chiffon, cadiz, georgette e la pelle come protagonista, sono i tessuti che domineranno la passerella, in quel connubio tra morbidezze orientali e raffinatezza made in Italy che e’ la firma di Taslaq.

A chiudere la sfilata, un abito ampio interamente ricamato a mano, lavorato con estrema sapienza e rifinito con fili di seta e pelle intarsiata a formare pizzi.

“Ho scelto il tema magico del bianco perche’ unisce tutti i popoli ed e’ il colore della pace e della purezza”, spiega lo stilista trapiantato a Roma, dove in via Ludovisi ha un suo prestigioso atelier. Taslaq e’ nato a Nablus nel 1970. E’ il primo e unico palestinese ad aver calcato le passerelle della haute couture, vestendo le donne di tre Continenti: da Sharon Stone a Ornella Muti, da Marta Marzotto all’aristocrazia del mondo arabo, compresa la regina Ranya di Giordania.

Dal 1990 si e’ trasferito in Italia e ha scelto la capitale come nuova ‘culla’ per la sua sofisticata ed elegante alta moda, debuttando sulle passerelle di Altaroma. Nel 2001 e’ riuscito nel ‘miracolo’ di portare nei Territori palestinesi, a Ramallah, le sue creazioni.

L’evento fu un grande successo e Jamal strabilio’ il pubblico con un’indossatrice che, uscendo da tricolore italiano, rami di ulivo intrecciati nei capelli, sfoggio’ un abito ispirato alla bandiera palestinese.

“L’arte ha sempre unito i popoli e forse anche con la moda si puo’ fare la rivoluzione”, ama ripetere Taslaq che, a novembre 2014, ha vissuto il grande onore di sfilare al Quartier Generale delle Nazioni Unite a New York.

L’occasione era l’anno della solidarieta’ per il popolo palestinese decretato dall’Onu e Jamal presento’ in passerella 45 capi ispirati alla sua terra e al Rinascimento italiano. Un sogno resta ancora nel cassetto del 45enne fashion designer, convinto che si debba “vestire prima l’anima che il corpo”: sfilare a Gerusalemme in un grande evento di alta moda dedicato alle tre religioni e alla pace.

Moda, in passerella il bianco di Taslaq.

(44)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close