Home Cultura Note vibranti per Abbato
Note vibranti per Abbato

Note vibranti per Abbato

48
0

(Di Carlo Di Stanislao) Aveva 80 anni ed un curriculum straordinario: direttore de La Scala, della Staatsoper di Vienna e dei Berliner Philharmoniker, ma anche direttore di orchestre fatte da giovani talenti, che lui stesso aveva scoperto, sostenuto e promosso, come l’European Union Youth Orchestra, la Chamber Orchestra of Europe, la Mahler Chamber Orchestra, la Orchestra Mozart che aveva fondato a Bologna e che ha guidato, fino al 1° gennaio scorso.

Nel 2012 aveva inaugurato a l’Aquila, l’Auditorium progettato da Renzo Piano, simbolo della rinascita, commuovendo l’intera cittadinanza con la musica e le parole. Lo scorso anno era stato nominato senatore a vita, l’unico del gruppo di neoeletti a rinunciare ad ogni emolumento.

Claudo Abbado è morto nella sua Bologna, sua perché, pur nato a Milano, l’aveva scelta come città e nella sua vita pure errabonda, vi era sempre tornato.

Da domani a mercoledì, nella Basilica di Santo Stefano, sarà allestita la camera ardente e certamente saranno in tanti e non solo bolognesi a recargli l’ultimo, commosso saluto.

Lunga e fortunata la sua vita, fatta di autentica passione civile e musicale, ereditate entrambe dal padre, il violinista Michelangelo, espresse con l’ideazione di varie istituzioni per lo studio e la conoscenza della musica, soprattutto in favore dei più deboli e meno garantiti, con onorificenze di ogni tipo in Italia e nel mondo, attivo fino a pochi mesi fa, sia presso la Santa Cecilia che con l’Orchestra Mozart.

Nel suo ampio repertorio, oltre ai compositori dell’ultimo romanticismo, emergono le avanguardie del Novecento e i musicisti contemporanei, espressi con una sensibilità fuori dal comune e con risultati davvero eccezionali.

Quando il 31 agosto scorso fu nominato senatore a vita, le sue parole furono tutte dedicate all’amico e Capo dello Stato, Giorgio Napolitano: ”La mia gratitudine va al presidente Napolitano per aver voluto inserire, fra coloro che ‘hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo scientifico, artistico e sociale’, un rappresentante della cultura, e in particolare di quella musicale rimarcandone così l’importanza e il valore, accanto alla scienza, quale strumento di crescita e sviluppo per il Paese” ed aggiunse di considerare quella nomina “una grande opportunità per poter collaborare con personalità di rilievo come quelle di Elena Cattaneo, Carlo Rubbia e Renzo Piano”, concludendo: “Spero che il mio stato di salute mi consenta di accettare questo prestigioso incarico, per il quale considero doveroso poter garantire assiduità e dedizione”.

E’ morto dopo pochi mesi ma in questi ha ricoperto il ruolo con generosa presenza e straordinaria serietà.

A lui penserò, al modo con cui ha interpreta la musica come nutrimento dell’anima, preparando la mia relazione per l’edizione 2014 del “Cammino del Perdono” su musica e nutrimento e ricorderò ciò che insegnava e professava, affermando che sono davvero fortunate quelle persone che grazie alla loro sensibilità riescono a nutrirsi di musica, facendosi penetrare fino ai meandri più profondi, per cavarne suggestioni, pensieri, immagini e trasformazioni.

La scienza mi verrà in aiuto, quella che ha recentemente dimostrato che persino un cucciolo d’uomo, allevato a suon di musica, sviluppa di piu’ le facolta’ mentali, la capacita’ di memorizzare e la propensione agli affetti e alla comunicazione.

Ma saranno le sue incisioni, i suoi dischi e i CD a ricordarmi che tutto il corpo è nutrito dalla musica, la pelle e le ossa e le strutture intermedie e soprattutto ciò che non conosciamo come sede, quell’anima che vibra col vibrare delle note.

(48)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close