Home Concorsi Premio Socialis, stage sullo sviluppo della responsabilità sociale d’impresa
Premio Socialis, stage sullo sviluppo della responsabilità sociale d’impresa

Premio Socialis, stage sullo sviluppo della responsabilità sociale d’impresa

37
0

Sono Barilla, Conad, Fondazione Obiettivo Lavoro, MerckSerono e Novartis le imprese sostenitrici della IX edizione del Premio Socialis, il primo e unico riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea su Csr (Corporate social responsabilità) e sviluppo sostenibile, il cui bando di concorso è stato appena pubblicato ed è disponibile sul sito www.premiosocialis.it e sulla pagina Facebook appositamente dedicataAi vincitori, si offrono stage in aziende e associazioni non profit.

Il premio infatti, organizzato dall’osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione e patrocinato dai principali ministeri italiani, nonché da Cnel (Consiglio nazionale economia e lavoro), Regione Lazio, Provincia e Comune di Roma, mette a disposizione dei vincitori l’opportunità di praticare quanto studiato anche presso importanti onlus come la Lega del Filo d’Oro o presso importanti agenzie di stampa quali Area.

Secondo l’ultima indagine realizzata da SWG per l’osservatorio Socialis, 7 aziende su 10 tra quelle con più di 100 dipendenti in Italia si impegnano per il sostegno alla cultura, per la salvaguardia dell’ambiente, per la solidarietà e il welfare aziendale, con un flusso di finanziamenti che sfiora il miliardo di euro. Solo un quarto delle aziende italiane però è dichiaratamente “Csr oriented”, incorporando nel proprio disegno di sviluppo la responsabilità sociale, mentre un’azienda su 3 prevede la figura di un responsabile interno cui delegare la supervisione delle attività di Csr. Quasi tutte (9 su 10) ritengono di vitale importanza investire nella crescita e nello sviluppo delle risorse interne e la metà di esse ha adottato un proprio codice etico

“E se è vero – sostengono i promotori del premio – che per rimanere competitivi sul mercato le imprese devono far crescere il loro impegno nel sociale, i giovani partecipanti al Premio Socialis hanno una chance in più di poter applicare i propri studi al mondo del lavoro”. Lo scopo, infatti, del Premio Socialis é proprio quello di costituire un ponte tra università e impresa, individuando e promuovendo presso le aziende figure professionali con competenze specifiche su responsabilità sociale di impresa e sviluppo sostenibile. Figure professionali pronte, peraltro, ad entrare in questo ambito di lavoro e a fornire un contributo concreto. Dopo oltre 8 edizioni, infatti, i numeri fanno ben sperare: sono state oltre 500 le tesi partecipanti al concorso, 70 gli atenei di provenienza degli elaborati, 37 le aziende sostenitrici, 12 le istituzioni patrocinanti e 57 i vincitori.

“In questi anni abbiamo visto crescere il numero dei partecipanti fino a toccare la soglia delle 500 tesi di laurea – ha spiegato Roberto Orsi, presidente di Errepi Comunicazione e direttore dell’osservatorio Socialis -: un segnale evidente di quanto interesse possano riscuotere questi temi che attengono ad un  nuovo modo di intendere l’economia e il lavoro, dove la capacità di mettere in pratica iniziative di responsabilità sociale potrà fare la differenza sul mercato”. Per partecipare al premio Socialis è necessario inviare copia della tesi di laurea entro il 15 novembre 2011 alla segreteria organizzativa, presso Errepi Comunicazione, via Arenula 29, 00186 Roma. Copia integrale del bando e tutte le informazioni inerenti il premio al sito www.premiosocialis.it. (eb)

(37)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close