Home Scienza Scoperto il mistero del “Deja vu”
Scoperto il mistero del “Deja vu”

Scoperto il mistero del “Deja vu”

285
1

Quante volte ci è capitata quella strana e intensa sensazione di avere già visto o vissuto una situazione? Il cosidetto “déjà-vu” è dovuto ad un’anomalia cerebrale. E’ quanto sostiene l’Istituto di «bio-immagini e fisiologia molecolare» del Cnr in seguito a ad una ricerca pubblicata su Cortex e condotta in collaborazione con la Clinica neurologica dell’Università Magna Graecia di Catanzaro.

“Finora – afferma il Cnr nella nota – non esisteva una risposta scientifica definitiva che spiegasse il funzionamento del déjà-vu, fenomeno psichico presente in circa l’80% della popolazione normale e che consiste nell’erronea sensazione di aver già visto un’immagine o vissuto un avvenimento o una situazione. Finora non è stata trovata una spiegazione plausibile a questo affascinante fenomeno, anche perché si è sempre studiato il déjà-vu in condizioni di normalità, senza mai considerare la condizione patologica”.

“I pazienti con epilessia – riferisce ancora il Cnr – rappresentano un modello patologico più noto in letteratura in quanto le illusioni déjà-vu sono, in realtà, manifestazioni epilettiche derivanti dalle scariche all’interno del cervello. Gli specialisti che hanno condotto la ricerca hanno messo a confronto per la prima volta il cervello di pazienti neurologici affetti da epilessia e soggetti sani in relazione al deja vu”. Sono stati esaminati 63 pazienti epilettici e 39 persone sane con episodi frequenti di “déjà vu”.

“Questa scoperta – aggiunge il prof.Labate – dimostrerebbe che la sensazione di déjà-vu, riportata dai pazienti durante un episodio epilettico, è un sintomo organico di una memoria reale, anche se falsa”.

“Diversamente, i soggetti sani che vivono questa esperienza – sostiene, da parte sua, Antonio Cerasa, dell’Ibfm-Cnr – presentano piccole variazioni anatomiche in un’area cerebrale, la corteccia insulare, che ha il compito di convogliare tutte le informazioni sensoriali all’interno del sistema limbico/emotivo.  Tale modifica parrebbe dimostrare che nel soggetto sano l’esperienza del déjà-vu, in realtà, è un fenomeno di alterata sensorialità dello stimolo percepito, più che un ricordo alterato: noi pensiamo di aver già visto quel posto, ma in realtà è la sensazione che abbiamo provato nel vederlo che ci richiama uno stimolo precedentemente associato”.

(285)

tags:
  • Astrorosa

    E’ dimostrato da migliaia di sedute ipnotiche le più serie quelle registrate dal Dr Aurelio Mejia Mesa che esiste l’anima e lo spirito in ogni essere umano.
    Quindi devo pensare che l’anomalia cerebrale è del Cnr, amano mentire o non sono correttamente informati che per un centro di ricerca è peggio.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close