Home News Uno studente su quattro compie o subisce atti di cyberbullismo
Uno studente su quattro compie o subisce atti di cyberbullismo

Uno studente su quattro compie o subisce atti di cyberbullismo

62
0

Uno studente su quattro in Italia compie o subisce atti di cyberbullismo. In particolare il 23,5% dei ragazzi commette atti di bullismo via web, mentre il 26% li subisce. Gli ‘aggressori’ sono soprattutto maschi. E tra le pratiche di cyberbullismo piu’ diffuse spiccano il flamming (singoli messaggi violenti o volgari), la denigration (distribuzione in Rete o via sms di contenuti falsi e denigratori per danneggiare la reputazione della vittima), l’impersonation (creazione di una identita’ fittizia a nome della vittima per danneggiarla). Sono i dati diffusi oggi al ministero dell’Istruzione in occasione della Conferenza internazionale ‘Cyberbullismo e rischio devianza’ organizzato a Roma dal dicastero di viale Trastevere per fare il punto sulle politiche di contrasto in atto nelle scuole e lanciare interventi mirati.

I DATI DI UN FENOMENO IN CRESCITA – Secondo uno studio dell’Osservatorioo ‘Open eyes’ (di cui fanno parte oltre al Miur anche l’associazione ChiamaMilano, l’Istituto Niccolo’ Machiavelli, il dipartimento di Psicologia dell’Universita’ di Napoli) presentato oggi a Roma l’80,5% dei ragazzi usa la Rete per comunicare, il 52,3%per fare surfing, per navigare qua e la’ sul web, il 40,5% per giocare, il 33,3% per studiare, il 18% per conoscere nuove persone, l’8,5% per progettare siti. Dei 2.419 intervistati il 23,5% dice di aver comesso atti di cyberbullismo, il 26% di averli subiti. Fra i bulli della Rete il 17,8% dei maschi commette atti di flamming, manda messaggi aggressivi. Lo fa anche l’8,7% delle bulle. Il 10,2% dei cyberbulli maschi (6,9% delle femmine) compie atti di denigration, mette in Rete messaggi falsi sulla vittima per denigarla. L’8,6% dei bulli del web maschi (4,1% delle femmine) crea identita’ fittizie della vittima per danneggiarla (impersonation). L’8,4% dei cyberbulli (3,8% delle cyberbulle) pratica l’exclusion, l’esclusione della vittima dai gruppi di condivisione e di amici.

IN UE ITALIA FANALINO CODA (PER FORTUNA) – Per una volta fare i fanalini di coda non e’ motivo di vergogna. Nelle percentuali medie europee di ragazzi che subiscono bullismo on line e off line l’Italia e’ ai livelli piu’ bassi secondo i dati forniti stamattina da Chterine Blaya, responsabile dell’ Osservatorio europeo della violenza a scuola, fra i ragazzini europei in media il 19% e’ vessato dai bulli in modalita’ mista (on e off line, in Rete e fuori), quelli vittime del solo cyberbullismo sono il 6%. In Italia le percentuali sono rispettivamente 11% e 2%. In Francia sono il 26% e 7%, dati che indicano una maggiore aggressivita’ del fenomeno oltralpe. Va molto peggio in Romania dove ben il 41% dei ragazzini subisce atti di bullismo in Rete e di persona e il 13% e’ vittima dei cyberbulli. In Estonia pure le percentuali sono alte, 43% e 14%. “Per risolvere il problema bisogna rafforzare l’alleanza fra scuola e genitori- spiega Blaya- sviluppare le competenze digitali degli insegnanti per far si’ che possano intervenire di piu'”.

(62)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close