Home Dizionario Giovani Barilla, presto la pasta in 3D potrebbe arrivare sulle nostre tavole
Barilla, presto la pasta in 3D potrebbe arrivare sulle nostre tavole

Barilla, presto la pasta in 3D potrebbe arrivare sulle nostre tavole

32
0

Da oggi avere pasta di qualsiasi formato non sarà più un sogno grazie a Barilla. La pasta del futuro sarà in 3D e potrà essere prodotta in casa propria in poche e semplici mosse. Basterà avere l’impasto (generalmente fatto di grano duro e acqua) che si preferisce in formato cartuccia e una stampante adatta su cui caricarla. Scelta la forma desiderata al pc, poi, il gioco è fatto.

La nuova pasta, inoltre, sarà veloce da cuocere: seguendo il modello dei tortellini, si sta, infatti, lavorando per avere una cottura di pochi minuti. La novità è stata presentata proprio da Barilla al Cibus 2016, nella seconda giornata del Salone Internazionale dell’Alimentazione a Parma.

Al momento si tratta solo di un prototipo. Le stampanti progettate realizzano quattro pezzi ogni due minuti, ma l’obiettivo degli sviluppatori è di avere nello stesso tempo la quantità per una porzione media. “Stiamo vagliando i futuri scenari di utilizzo, il più probabile è quello domestico. – hanno fatto sapere da Barilla – al momento stampanti di questo genere che si usano per plastica e metalli costano nel formato più compatto intorno ai 1.500 euro”.
Presto, quindi, le stampanti 3D potrebbero essere distribuite non solo a livello industriale ma anche vendute ai clienti che vogliono cimentarsi con uno dei piatti simbolo del nostro Paese. Roselline, vortici, cubi, stelle e qualsiasi altro formato che si desidera potrebbe arrivare, così, sulle nostre tavole.
Il progetto, tuttavia, non è affatto recente. Nasce quattro anni fa dalla collaborazione di Barilla e il Centro di Ricerca Olandese Tno (Organizzazione Olandese per la Ricerca Scientifica Applicata) che ha permesso di avviare i lavori sulla stampante 3D.
La particolarità, però, non consiste solo nell’innovazione 3D. Nella speciale stampante sarà possibile aggiungere ingredienti come verdure, legumi o farine di altri cereali integrali per ottenere una pasta completamente personalizzata. Più recentemente la stampante 3D era stata presentata all’Expo di Milano.
Barilla, presto la pasta in 3D potrebbe arrivare sulle nostre tavole
dire.it

(32)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close