Home Dizionario Giovani Biodiversità sotto i limiti di guardia. Ora rischia l’uomo
Biodiversità sotto i limiti di guardia. Ora rischia l’uomo

Biodiversità sotto i limiti di guardia. Ora rischia l’uomo

130
0

La biodiversità è sotto il livello di guardia e il mondo è vicino ad una svolta epocale. Ogni giorno, specie animali e vegetali si estinguono a causa dell’azione dell’uomo e la Terra si avvia, inesorabile, verso un punto di non ritorno.

Biodiversità, lo studio

L’allarme arriva da uno studio condotto dallo University College London. Ricerca che è possibile leggere in forma integrale sulla prestigiosa rivista scientifica Science. Secondo i ricercatori dietro un tale disastro c’è l’uomo. È l’essere umano, sempre alla ricerca di nuovi spazi da edificare e coltivare, a minare l’ecosistema mondiale. Su oltre la metà delle terre emerse, una superficie che ospita più del 70% della popolazione mondiale, la biodiversità è talmente calata che a rischio ora è anche la sopravvivenza della specie umana.

Biodiversità, un cane che si morde la coda

Più l’uomo distrugge paesaggi naturali per aumentare l’agricoltura più questa è messa in serio pericolo.
Distruggendo gli ecosistemi naturali, infatti, spariscono anche alcuni esseri viventi, farfalle e api solo per fare qualche esempio, necessari affinché le piante si riproducano. L’intero ciclo della vita, dall’impollinazione alla decomposizione naturale dei rifiuti, è sconvolto e il suo funzionamento è in serio pericolo. Nessun essere vivente, che sia pianta o animale, è inutile. Il suo inserimento nel circuito della vita è necessario. Anche una sola sparizione può compromettere il delicato equilibrio naturale delle cose.

Le 240 colture nel mondo che l’uomo si affanna a produrre potrebbero rischiare di sparire con l’estinzione di alcuni insetti. Le praterie, dove l’agricoltura è più intensa, sono le zone a maggior rischio. Tundra e foreste sono quelle che, invece, ancora non risentono dell’azione distruttrice dell’uomo.

(dire.it)

(130)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close