Home Dizionario Giovani Bullismo, Sellini (Aupi): è emeregenza, lo psicologo deve intervenire a scuola
Bullismo, Sellini (Aupi): è emeregenza, lo psicologo deve intervenire a scuola

Bullismo, Sellini (Aupi): è emeregenza, lo psicologo deve intervenire a scuola

1.63K
0

A gennaio 2016 una ragazzina di 12 anni di Pordenone ha tentato di uccidersi lanciandosi dalla finestra di casa: Era ossessionata dai bulli che a scuola, quotidianamente, la prendevano in giro, invitandola ad ammazzarsi. Dopo qualche giorno abbiamo appreso della storia di un altro adolescente che si è sottoposto a una dieta che avrebbe potuto ucciderlo: voleva dimagrire a tutti i costi per non ascoltare più le parole dei compagni che ridavano per il suo peso.

Poi c’è il caso di un bimbo di nove anni della provincia di Reggio Calabria: gli altri allievi gli gettavano lo zainetto nella spazzatura, gli sputavano addosso e lo picchiavano. La madre, disperata, ha deciso di denunciare la scuola per la mancata sorveglianza. Esiste per gli psicologi una vera e propria emergenza bullismo che può essere contrastato a partire dall’intervento a scuola.

“La figura dello psicologo all’interno dei contesti scolastici appare fondamentale, per individuare in maniera tempestiva i disagi prima che possano favorire lo sviluppo di sindromi psicologiche” dice Mario Sellini, segretario generale di AUPI, l’associazione unitaria degli psicologi italiani. Da Nord a Sud il rischio è altissimo. “Sarebbe necessaria la predisposizione di un programma di prevenzione del bullismo a scuola, attraverso la valutazione del disagio giovanile e dei fattori di rischio individuali, familiari e ambientali, che potrebbero generare comportamenti violenti.

L’introduzione della figura dello psicologo nel contesto scolastico, potrebbe contribuire alla promozione delle risorse e delle potenzialità dei ragazzi in una fase delicata come quella dello sviluppo”. In questi giorni è stato diffuso uno studio della Federazione Italiana Società di Psicologia (Fisp), presieduta da Vito Tummino e i dati raccolti vanno proprio in questa direzione. Per gli studiosi il contributo dello psicologo a scuola è un argomento da affrontare immediatamente, soprattutto in merito al bullismo.

Secondo indagini Istat sui comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi, nel 2014, più del 50 per cento degli 11/17enni è stata vittima di un episodio offensivo, irrispettoso e/o violento da parte di coetanei. Gli atti violenti consistono in offese, parolacce e insulti (12,1%), derisione per l’aspetto fisico o per il modo di parlare (6,3%), diffamazione (5,1%), esclusione per le proprie opinioni (4,7%) e in vere e proprie aggressioni fisiche (3,8%). Tra i ragazzi che utilizzano il cellulare o internet il 5,9% denuncia di avere subito ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o sui social network.

E in questo caso, infatti, il fenomeno, reso possibile dalla diffusione delle nuove tecnologie fra i più giovani, prende il nome di “Cyber” bullismo. “Nei casi di bullismo – conclude Sellini – l’ambiente scolastico diviene il palcoscenico sul quale il bullo può mostrare tutta la sua aggressività a scapito dei compagni percepiti come più deboli. Mentre il soggetto vessato ha difficoltà a concentrarsi per l’ansia e per i traumi provati. I sintomi del malessere sono molteplici e diversi e possono causare problemi anche in futuro, con altre sintomatologie di natura psicologica. È opportuno intervenire e fermare questo fenomeno prima che sia troppo tardi”.

(1626)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close