Home Cultura La storia dell’arte dalla forma alla non forma
La storia dell’arte dalla forma alla non forma

La storia dell’arte dalla forma alla non forma

47
0

(Di Carlo Di Stanislao) Chiuderà i battenti il 20 gennaio dopo essere stata aperta il 6  ottobre, per riaprire dal 2 febbraio al 1 aprile, al museo della Gran Guardia, a Verona, la mostra “Raffaello verso Picasso”, in Basilica palladiana, nel cuore di Vicenza, che in meno di tre mesi si è conquistata il terzo posto fra le esposizioni più visitate in Italia e, nella settimana di Natale, ha superato anche la mostra di Vermeer a Roma.

Marco Goldin, direttore generale di “Linea d’ombra” e curatore della mostra si è detto molto soddisfatto dei risultati di una mostra nata per formulare un racconto sulla pittura e la sua storia,  che va da una perfezione quasi apollinea nella rappresentazione di un volto, a quello di palese rottura della forma e riorganizzazione entro canoni diversi.

Perché negli ultimi anni dell’Ottocento avviene una frattura, si attua lo stacco rispetto a quella lunga tradizione della forma che l’aveva resa inviolabile, immortale.

Quando invece la forma si spezza, sussulta, si fessura da ogni lato sotto la spinta prima di Cézanne e poi naturalmente dei cubisti. Si scardina l’idea di una purezza che veniva dal tempo, lontanissimo ormai, di Botticelli e Raffaello. Per questo il titolo è insieme un punto di partenza e un parziale punto di arrivo, per indicare la complessità di una storia carica di suggestioni.

Che si tende dallo sguardo svuotato di vita del Cristo deposto, a quello altero eppure confidente di un re. Da quello di una donna seduta sull’erba fino a quello, interrogante e attonito, di una figura che appare in una casa borghese.

Dalla certezza dell’essere nel mondo dentro l’armonia rinascimentale, all’incertezza di essere colui, o colei, che interroga con lo sguardo.

Un lungo viaggio, che comincia nella Firenze d’inizio Quattrocento e prosegue, attraversando secoli e contrade di tante nazioni, fino a giungere a una casa davanti all’oceano.  Su una piccola collina, dove il vento spazza l’erba della fine dell’estate.

Sono sguardi che si rincorrono, volti sui quali si è posato, o abbattuto, il tempo. In tutti loro si può leggere, senza dubbio, il procedere della storia dell’arte, il gusto finissimo della pittura e la sua evoluzione. Fra le opere più considerevoli vanno segnalate le seguenti: “Cristo Risorto” di Botticelli; “Cristo Portacroce” di Bellini; “Ritratto di Giovane” di Giorgione; “Autoritratto” di Van Gogh;  “Giovane con berretto” di Modigliani; “Testa” di Nolde e “Diego” di Giacometti e  “Christina Olson” di Wyeth.

La Mostra è ospitata, come detto,  all’interno della Basilica Palladiana in Piazza dei Signori e si trova all’interno della Zona a Traffico Limitato del centro storico di Vicenza.

l sito RaffaelloPicasso.AimVicenza.it  aiuta a trovare tutte le informazioni utili su sosta e mobilità per organizzare la visita alla mostra ed è visibile anche su smartphone

(47)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close