Home News L’internazionalizzazione della scuola inciampa, risicato 6 in pagella
L’internazionalizzazione  della scuola inciampa, risicato 6 in pagella

L’internazionalizzazione della scuola inciampa, risicato 6 in pagella

74
0

La scuola italiana ci prova a varcare i confini nazionali, ma inciampa sulla strada dell’internazionalizzazione in diversi ostacoli: resistenze culturali, pastoie burocratico-amministrative ma, soprattutto, scarsi finanziamenti. Se è vero che il 50% degli istituti ha partecipato durante lo scorso anno scolastico almeno a un progetto con l’estero, è anche vero che la scuola del Belpaese in quanto a livello di internazionalizzazione merita un risicato 6 in pagella a causa delle grosse barriere che ne frenano il processo. E’ quanto emerge, in sintesi, dal Rapporto dell’Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca realizzato da Ipsos per conto delle Fondazioni di Intercultura e Telecom Italia e presentato oggi a Roma. La ricerca è stata condotta su un campione di 402 presidi di tutta Italia e su 892 docenti di sette regioni (Lombardia, Friuli, Toscana, Marche, Molise, Campania e Basilicata). Una scuola su due ha partecipato nell’anno scolastico 2010-11 almeno a un progetto internazionale, ma si allarga la forbice tra nord e meridione, poiché mentre Sud e Isole arretrano (dal 57% del 2009 all’attuale 47%), il nord registra un buon incremento (ovest +3%, est +6%). Il 23% delle scuole (erano il 20% due anni fa e risulta una crescita significativa negli istituti professionali passati dal 7% al 20%) ha iniziato ad applicare il Clil, ovvero la docenza di alcune materie in lingua straniera (quasi sempre l’inglese). Il 39% degli istituti prevede l’insegnamento di tre lingue, cinese compreso in alcuni casi illuminati. E circa 4.700 studenti delle superiori hanno partecipato a un programma di mobilità individuale all’estero per un periodo compreso tra i tre mesi e l’intero anno scolastico: un fenomeno che ha fatto registrare un aumento del 34% in due anni, ma che resta pur sempre circoscritto a una sparuta avanguardia se si considera che gli studenti delle superiori sono circa 2 milioni e mezzo. A farlo rimanere di nicchia concorrono, secondo l’indagine, l’assenza di certezze circa l’attuazione di meccanismi di premio per l’esperienza fatta e la generale condivisione delle difficoltà incontrate dagli studenti al momento del loro rientro nel riallinearsi con i programmi svolti dai compagni. Spesso, inoltre, i docenti non premiano le competenze acquisite, ma insistono sul mancato allineamento del programma seguito all’estero, in particolare quelli delle materie scientifiche (40%), mentre quelli delle materie umanistiche e linguistiche ritengono fondamentale la crescita della persona e le competenze acquisite (79% e 74%). I presidi intervistati da Ipsos lamentano la mancanza di fondi e l’impossibilità di ottenere finanziamenti (36%), ma risentono anche della scarsa disponibilità da parte degli insegnanti (20%), della mancanza di tempo e dei problemi economici delle famiglie (entrambi 10%). Il limite principale per i docenti è invece la conoscenza delle lingue straniere, ritenuta carente per tre quarti degli insegnanti intervistati (74%). Il coinvolgimento degli insegnanti sembra essere anche il punto critico dei progetti di mobilità di classe (il 70% non li ha attivati quest’anno, un calo dell’11% dal 2009): il 78% dei docenti si dice favorevole, ma mancano strumenti e supporto. E proprio per venire incontro a questa esigenza, quest’anno l’Osservatorio ha introdotto Interculturalab, una piattaforma web (nuova area del sito www.scuoleinternazionali.org) per l’interazione tra studenti coinvolti in diversi progetti di internazionalizzazione

(74)

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close