Home Dizionario Giovani Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo compie 30 anni: il sogno
Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo compie 30 anni: il sogno

Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo compie 30 anni: il sogno

224
0

ndava in onda il 25 febbraio 1986, su Italia 1, la prima puntata di uno dei manga più amati di sempre: le avventure di Mila e Shiro oggi festeggiano 30 anni.

Mila e Shiro – Due cuori nella pallavolo compie 30 anni. Andava in onda il 25 febbraio 1986, su Italia 1, la prima puntata della serie animata tratta dal manga “Attacker You!” scritto ed illustrato da Jun Makimura e Shizou Koizumi. Un’icona dell’infanzia di molti trentenni di oggi, visto spesso come il corrispettivo al femminile di un’altra celebre saga sportiva Holly & Benji, due fuoriclasse, le avventure di Mila Hazuki sono sempre state in realtà seguite da un pubblico trasversale. Con la storia di Oliver Hutton ci sono però una serie di analogie: anche Mila, come Holly, si trasferisce a Tokyo lasciando il suo paese d’origine (Holly non approda nella capitale giapponese, ma a Nankatsu) per andare a vivere con suo padre, il fotoreporter Toshiko con suo padre Toshiko.

Mila inizia ad entrare in contatto con la pallavolo tramite la scuola e diventa ben presto brava al punto da sognare di partecipare alle Olimpiadi di Seoul del 1988. È un talento che ha eredito da sua madre che però Mila crede morta: è una ex campionessa di pallavolo, bandiera della Nazionale giapponese che ha lasciato la sua famiglia e la piccola per perseguire il sogno di giocare ad alti livelli. È così che il padre Toshiko ha preferito nascondere a Mila la verità su sua madre.

Mila e l’amore per Shiro

Mila Hazuki comincia a giocare per l’Hikawa, la squadra della scuola che frequenta. Per la squadra maschile gioca un certo Shiro Tachiki che, da subito, diventa tutor e coach personale della ragazza. Tra i due scatta immediatamente un feeling corrisposto ma tenuto a freno dalla volontà di Shiro di concentrarsi unicamente sulla formazione atletica di Mila. Il rapporto tra i due proseguirà anche quando Mila lascerà l’Hikawa per giocare con la squadra professionistica delle Seven Fighters. Mila si rivelerà a Shiro in televisione, non basterà per iniziare una relazione dato che i due prenderanno strade diverse come mostra il film realizzato in occasione delle Olimpiadi di Pechino 2008 “Mila e Shiro – il sogno continua” (da noi in onda per la prima volta nel settembre 2011). Ritroveremo Shiro allenatore di una squadra del campionato cinese, le Dragon Ladies. Retrocesse dal campionato più importante, la squadra con Shiro alla guida cerca il rilancio anche attraverso vecchie glorie della pallavolo giapponese. Mila sarà contattata da Shiro e Nami Hayase, anche lei nel team delle Dragon Ladies.

Una considerazione-curiosità: nonostante il suo nome sia stato inserito nel titolo dell’edizione italiana, in realtà Shiro è un personaggio minore della serie animata.

Mila Hazuki e l’amicizia con Nami Hayase
Mila ha 14 anni quando arriva nell’Hikawa, la squadra della sua scuola media. Sin dalle primissime partite, si evince la grande bravura di Mila nelle schiacciate mentre è palese la difficoltà in ricezione. Nami Hayase è tra le più forti a ricevere nella squadra dell’Hikawa ed è lei la titolare nella squadra a scapito di Mila. Per questo tra le due inizia una rivalità che con il tempo si affievolisce, soprattutto quando Daimon capisce che è necessario schierare entrambe da titolare. Con Nami a ricevere e Mila a schiacciare, infatti, non ce n’è per nessuno. L’amicizia tra le due proseguirà lungo tutta la carriera, al punto che giocheranno nella loro formazione giovanile sempre nella stessa squadra. Dopo l’Hikawa saranno entrambe i pilastri delle Seven Fighters contro lo strapotere delle Sunlight Players di Kaori Takigawa, la ragazza più forte del Giappone. Il sodalizio proseguirà nella nazionale olimpica e nelle Dragon Ladies, la squadra cinese allenata da Shiro in “Mila e Shiro – il sogno continua”.

La sigla di Mila e Shiro cantata da Cristina D’Avena
“Guarda, guarda in campo c’è una nuova giocatrice, Mila il suo nome è e talento ne ha per tre”. Comincia così una delle sigle dei cartoni animati più belle ed iconiche della storia, cantata da Cristina D’Avena e scritta da Alessandra Valeri Manera, tra le più prolifiche e importanti autrici di canzoni per l’infanzia negli anni ’80. Le musiche, composte da Carmelo Carucci, sono state la base musicale di “Jeanne et Serge”, “Dos fuera de serie” e “Mila superstar”, rispettivamente le versioni della serie animata in Francia, Spagna e Germania.

Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo compie 30 anni: il sogno

(fanpage.it)

 

(224)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close