Home Cultura “Spiacenze” che vanno e vengono
“Spiacenze” che vanno e vengono

“Spiacenze” che vanno e vengono

49
0

(Di Carlo Di Stanislao) Manlio Sgalambro, scrittore e poeta, canzonettista e sceneggiatore, ma soprattutto filosofo nichilista con influenze di Nietzsche e Cioran, è morto a Catania giovedì scorso, ad 89 anni, lasciandoci una eredità davvero atipica nel panorama culturale italiano, esordendo in tarda età, nel 1982, con quella che probabilmente è la sua opera più rappresentativa: “La morte del sole”, scrivendo e pubblicando poi altri volumi (alcuni dei quali tradotti in tedesco, francese e spagnolo), fra i quali “Trattato dell’empietà”, “Del pensare breve”, “Dell’indifferenza in materia di società”, “La consolazione”, “Trattato dell’età”, “De mundo pessimo” e”Variazioni e capricci morali”, l’ultimo, pubblicato nel 2013; ma soprattutto, dal 84, collaborando alla più parte dei progetti di Franco Battiato: cinque libretti d’opera e sette album musicali e la sceneggiatura di tre film: “Perduto amor”, “Musikanten” e “Niente è come sembra”; riproducendo, in questa variegata produzione, una sorta di percorso verso il grado zero dell’essenza della propria poetica, partendo da una scrittura tradizionale fino ad un viaggio antropologico sulle origini e il senso dell’umano agire che evapora fino alla dissoluzione.

Spesso deriso o non preso sul serio, perché scriveva canzonette (anche per Patty Pravo, Alice, Fiorella Mannoia, Carmen Consoli, Milva e Adriano Celentano), egli resta un esempio di intellettuale coerente nei contenuti che ha reso fruibili a vari livelli e con mezzi differenti, partendo da una concezione beffarda dell’accademismo, scopritore di una nuova via di comunicazione e trasmissione che lo aveva portato, nel 2002, ad essere il bislacco chansonnier, distaccato e senz’altro snob, interprete di un album che si intitolava “Fun Club”, con fior di musicisti e la voce strapazzata dalla vita ma assai espressiva: non solo “La mer” di Trenet o “Non dimenticar le mie parole” di D’Anzi, ma anche: “Me gustas tu, autentico colpo di genio, apostrofo sorridente e un po’ beffardo che lo avvicinò ancor più alle masse giovanili a cui più di tutte intendeva rivolgersi, convinto che da loro e solo da loro poteva partire un vero rinnovamento.

Poco capita, in questi giorni, anche Serena Dandini, che dopo successi e flop si è presa una pausa dalla tv per ricevere un invito dall’Onue portare il suo spettacolo “Ferite a morte” a New York, ma intanto è poco considerata da noi ed è costretta a rinviare l’accarezzato progetto, condiviso con van Cotroneo, di partire da questo testo per una fiction televisiva.

Il suo spettacolo lo aveva presentato a settembre, nel giardino che di una villetta d’epoca, nel cuore di Monteverde vecchio, uno dei più bei quartieri di Roma, quello di Pasolini e dei Bertolucci, con un fiume toccante di parole sul femminicidio, con, sul palco, a interpretare le vittime, quattro donne che si alternano a dare voce a queste storie, in uno spettacolo drammatico, ma giocato, a contrasto, su un linguaggio leggero e con i toni ironici e grotteschi propri della sua scrittura, resa più efficace dalla collaborazione con Maura Misiti, ricercatrice del CNR e a interpretarle Lella Costa, Orsetta De Rossi, giorgia Cardaci e Rita Pelusio.

Quanche distratta recensione e poco altro, nonostante una tournée italiana con 50 tappe e un tour all’esterodi quattro date, perché lo stile è piano e diretto, il tema duro e non piace parlare oggi di femminicidio in una sorta di “spoon river” rivisitato e schietto per dare voce alle troppe donne che perdono la vita per mano di un marito, un compagno, un amante, un “ex”.

(49)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close