Home Sport Sport: atleti paralimpici entrano a far parte delle Fiamme Gialle
Sport: atleti paralimpici entrano a far parte delle Fiamme Gialle

Sport: atleti paralimpici entrano a far parte delle Fiamme Gialle

107
0

Tre atleti paralimpici entrano a far parte delle Fiamme Gialle, il gruppo sportivo della Guardia di Finanza: è il risultato immediato del protocollo d’intesa firmato oggi a Roma dal Cip, il Comitato italiano paralimpico, e dal Comando Generale dell’Arma. Gli atleti che entrano a far parte del più blasonato gruppo sportivo militare (quello di Antonio Rossi e Tania Cagnotto) sono Martina Caironi, (rappresentante di punta dell’atletica leggera), Fabrizio Sottile (nuoto) e Francesca Porcellato (sci nordico). I tre vanno ad aggiungersi ai sei che già fanno parte delle Fiamme Azzurre, il gruppo sportivo della Polizia penitenziaria. L’intesa è stata siglata alla presenza dei vertici del Coni e rappresenta il primo passo di un percorso comune che dovrebbe portare ad una crescita globale del movimento paralimpico, sia in termini di visibilità sia in termini di sostegno attivo. Le Fiamme Gialle, del resto, sono il gruppo sportivo militare insignito di più medaglie in assoluto, quello che annovera al suo interno il maggior numero di atleti e quello che più ha investito nella pratica sportiva.

“La determinazione che il Coni e il Cip hanno messo nel voler stringere questo patto morale con noi – afferma il Generale Nino Di Paola – la dice lunga sulla lunga tradizione sportiva del nostro gruppo, che ha origini lontane e che ci ha portato oggi ad essere orgogliosi dei campioni che hanno vestito questa uniforme: oggi questo accordo è un evento straordinario”. “Il fatto che il Comitato paralimpico – continua – si unisca alla nostra famiglia sportiva, in un momento di crisi e difficoltà come è quello di oggi, suona come metafora di speranza, coraggio e forza di andare avanti: auguro che questa giornata sia l’inizio di progetti futuri che ci possano portare lontano”.

“Rincorrevo questo sogno da sei anni – spiega il presidente Cip Luca Pancalli – e sono orgoglioso nel vedere i miei ragazzi vestire questa divisa: si scrive oggi una pagina importante di sport italiano, con il nostro movimento che continua a dare lezioni di cultura e civiltà al nostro paese, che spesso non fa altrettanto, in termini di trattamento riservato alle persone disabili”. “Il percorso per arrivare qui è stato lungo e difficile, ma io sono un fondista, e so che per gli obiettivi importanti ci vuole tempo: ora il prossimo traguardo è far sì che per legge dello Stato gli ex campioni paralimpici vengano ovviamente non arruolati nei Corpi smilitarizzati dello Stato, ma assunti nelle pubbliche amministrazioni, dove è prescritta per legge una quota di personale disabile”.

I tre atleti scelti sono due giovani promesse dello sport e una veterana: quest’ultima è Francesca Porcellato, un passato nell’atletica (11 medaglie paralimpiche) e un presente nello sci nordico: “Questa è una tappa storica – dice – soprattutto per il movimento paralimpico. E’ un’altra pietra messa nel mosaico della piena legittimazione di noi atleti disabili e sono onorata di essere testimone, e addirittura protagonista, di questo passaggio epocale”. Emozionata Martina Caironi, velocista ventiduenne con una protesi alla gamba sinistra e grandi probabilità di essere alle Paralimpiadi di Londra 2012 nei 100 metri e nel salto in lungo: “un grande risultato che mi spingerà d’ora in poi a cercare la migliore prestazione non solo per me ma per tutta la squadra di cui ora faccio parte”. Infine, Fabrizio Sottile, ipovedente per una malattia genetica e degenerativa dei nervi ottici scoperta solo due anni fa, oggi primatista dei 50, 100 e 400 stile libero e bronzo europeo nei 400 stile a Berlino 2011: “E’ una responsabilità e un orgoglio far parte di una tradizione sportiva così importante: so che farò tutto il mio meglio, da ora non si scherza più, anche se io con il nuoto non ho mai scherzato”.

(107)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close