Home News Cinema Western in salsa wuxia
Western in salsa wuxia

Western in salsa wuxia

103
0

(Di Carlo Di Stanislao) “Il buono, il matto e il cattivo” (anche nell’originale inglese”), è stato pubblicizzato come il “primo western coreano” (cosa non vera) e come “il film coreano più costoso di tutti i tempi” (17 milioni di dollari) e questo è invece verissimo. Film da vedere e che ha fatto piazza pulita al 29° Blue Dragon Film Awards, portandosi a casa quattro premi (Miglior Regia, Scenografia, Fotografia e Premio del Pubblico) e, in sovrappiù, un premio per la Miglior Regia al 41° Festival di Sitges, tutti riconoscimenti meritatissimi. Dichiaratamente ispirato a “Il Buono, il Brutto e il Cattivo”, da cui riprende, titolo, incipit con la presentazione dei personaggi e l’estenuante duello finale, lascia da parte il gusto un po’ greve dell’epica “leoniana” e scantona verso il divertito trastullo orchestrato con classe sopraffina: pura energia cinematica in movimento e piacere orgasmico della visione. Lo sfondo non è più la guerra di secessione degli Stati Uniti, ma la Manciura degli anni ’30, con le battaglie fra l’esercito indipendentista coreano e gli occupanti giapponesi.  Con una mappa del tesoro difficile da decifrare ed una sequenza finale che è una variante dei meccanismi ideati dal maestro italiano, un western in salsa wuxia,  condito con Tarantino, ma anche con Tonino Valerii e Enzo Barboni.   Nel cast tre star del cinema coreano, ancora non molto conosciute in occidente: il cacciatore di taglie Jung Woo-sung (il buono), il maledetto killer dandy Lee Byung-heon (il cattivo) e lo strampalato ladruncolo Song Kang-ho (il matto), con una interpretazione che conquista lo spettatore e lo tiene inchiodato, dall’inizio alla fine. La messa in scena è lussureggiante: cromatismi abbaglianti, e, soprattutto, sequenze d’azione superlative, dalla stupefacente rapina al treno, dove avviene la prima collisione tra i tre protagonisti, alla sparatoria in un mercato affollato, fino alla straordinaria caccia nel deserto, dove si incontrano e si combattono i banditi, l’esercito giapponese e i coreani. Nella sua realizzazione, il regista Kim Ji-woon,  ha definito un nuovo standard, difficilmente superabile, per il film d’azione.

(103)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close