Home News 550.000 italiani a letto con l’influenza
550.000 italiani a letto con l’influenza

550.000 italiani a letto con l’influenza

68
0

Il picco dell’epidemia di influenza si sta avvicinando e arriverà entro metà di febbraio. Nell’ultima settimana di rilevazione (12-18 gennaio), intanto, il virus ha messo a letto ben 550mila italiani. Nella terza settimana di gennaio, in particolare, mezzo milione di cittadini è stato colpito da forme respiratorie acute parainfluenzali, con migliaia di casi di virosi intestinale. E’ quanto ha fatto sapere la Simg (Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie).

“Come previsto- spiega Claudio Cricelli, presidente della Simg- la clamorosa catena di equivoci ed errori, che aveva attribuito al vaccino la responsabilità di alcuni decessi, ha provocato malattie evitabili, complicanze anche gravi e sicuramente decessi evitabili. Il danno provocato alla sanità pubblica è incalcolabile e deve essere oggetto di valutazione da parte dell’autorità sanitaria e del governo”.

Secondo Cricelli, poi, “il carico di lavoro dei medici di famiglia sta diventando sempre più importante a causa dell’accelerazione dell’epidemia. L’attuale curva di incidenza- spiega- indica che ci stiamo avvicinando al raggiungimento del picco nelle prossime tre settimane. L’epidemia è sotto controllo, ma quest’anno il virus è stato più aggressivo, anche perché le vaccinazioni hanno fatto registrare un calo del 20% e, dato particolarmente preoccupante, i casi di influenza fra gli ultra sessantacinquenni sono raddoppiati”.

L’incidenza della malattia- fa sapere infine la Simg- “è maggiore nelle Marche (19.7 casi per mille abitanti), in Campania (14.4) e in Trentino (12.8). Rispetto agli anni precedenti sono aumentati significativamente anche gli accessi in pronto soccorso e i ricoveri dovuti al virus”.(Dire)

(68)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close