Home Dizionario Giovani L’Accademia di Belle Arti dell’Aquila partecipa alla mostra ‘I Colori e il Mito dell’Isola’
L’Accademia di Belle Arti dell’Aquila partecipa alla mostra ‘I Colori e il Mito dell’Isola’

L’Accademia di Belle Arti dell’Aquila partecipa alla mostra ‘I Colori e il Mito dell’Isola’

75
0

L’Accademia di Belle Arti dell’Aquila (Abaq) partecipa alla mostra ‘I Colori e il Mito dell’Isola’ che sara’ inaugurata il 18 giugno prossimo, alle ore 11, presso l’Isola Comacina (Como) nella sede distaccata dell’Accademia di Brera di Milano. L’istituto aquilano sara’ presente accanto all’Accademia milanese con il progetto U.F.C. Urban Field Color – i Colori della forma urbana che per l’occasione e’ stato declinato dal coordinatore del progetto stesso, il prof. Franco Fiorillo della scuola di decorazione, con il titolo “Verde Comacino”; per la mostra saranno presentati i risultati ottenuti in laboratorio elaborando meccanicamente e chimicamente i campioni di vegetazione preventivamente raccolti sull’isola.

“I procedimenti adottati nella nostra Accademia – spiega il prof. Fiorillo – sono stati frutto di collaborazione tra la Scuola di Decorazione, di Grafica d’Arte e di Restauro, e naturalmente del FabLab. Verranno esposti i risultati: immagini e descrizioni dei procedimenti, una serie di pastelli ed acquerelli ‘Verde Comacino’, una scheda di intenti e sviluppi”. La manifestazione, coordinata a Milano da Sergio Nannicola e da Marco Pellizzola, sara’ parte di diversi interventi artistici sull’isola, e sara’ imperniato, nello specifico, sul colore dell’isola. Al progetto dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila hanno partecipato il direttore Marco Brandizzi, i professori: per Grafica d’Arte Valter Battiloro, per Restauro Elisabetta Sonnino, Gabriella Forcucci, Francesca Vivio, per il FabLab Carlo Nannicola con gli studenti Stefano Taccone, Mariaconcetta Armenia, Deborah Di Lorenzo, Francesca Rossi. Partendo dalla particolare identita’ cromatica dell’Isola Comacina (come ambiente naturale e contesto lacustre, ma anche come luogo di un importante sito archeologico e delle Case per Arti progettate da Pietro Lingeri negli anni ’30) si e’ provato ad interpretare la storia e il contesto ambientale come una tavolozza che identifica il luogo consentendo di intuirne l’estetica attraverso interventi di vario tipo, destinati a restare esposti all’aperto sull’isola per alcuni mesi.

L’obiettivo principale di questo progetto – spiega l’Accademia aquilana – e’ dunque quello di rendere gli studenti sensibili al tema del colore come elemento costitutivo dell’identita’ del luogo, e di far conoscere l’Isola Comacina attraverso un percorso di analisi condivisa che, partendo dal dato sensoriale, si e’ poi sviluppato liberamente come spunto di una ricerca individuale. Inoltre ci si e’ proposti di fare esercitare gli studenti nell’esperienza del rapporto diretto dell’opera con il luogo, inteso come ambiente e come contesto espositivo, con proprie caratteristiche peculiari, elaborando temi realizzati nel rapporto opera-spazio.

(75)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close