Home Cultura Seta, Il racconto del lettore
Seta,  Il racconto del lettore

Seta, Il racconto del lettore

154
0

Seta è il titolo del nuovo spettacolo teatrale che l’aquilana Isabella Valeri (nella foto) sta portando in scena già dallo scorso Aprile.

L’opera si ispira all’omonimo romanzo di Alessandro Baricco, dove si narrano e intrecciano le vicende del mercante di bachi da seta Hervè Joncour, di sua moglie Helene e del loro essere, per certi versi, estranei, non solo reciprocamente, ma anche e soprattutto a se stessi. Ogni viaggio intrapreso dal mercante verso il Giappone gli fa scoprire un po’ di sé, e non senza sorpresa: si stupisce dell’attrazione che prova verso una donna che incontra in oriente e della quale non conosce il nome, cos’ come della successiva capacità di mantenere il segreto verso Helene, sua moglie, la compagna che non smette di amare e che a propria volta non è, solo, la donna che Hervè crede di conoscere.

Si tratta di personaggi che sono al contempo autori di se stessi e che Isabella mette in scena attraverso una focalizzazione molto particolare, ovvero dal punto vista del lettore, anzi, per la precisione di due lettrici: lei stessa e Carmela De Felice, coattrice della spettacolo.

I personaggi e l’opera stessa prendono forma a partire da una situazione apparentemente banale, c’è un treno che sta partendo, ma col treno parte anche il viaggio attraverso l’esperienza di due donne, diverse tra loro per età e vita, che leggono il libro di Baricco.

Nella loro mente si intrecciano le storie dei personaggi, ma anche le proprie, come ogni lettore si ritrova nella pagine di ciò che legge; Seta è quindi il racconto dell’esperire, c’è una storia (quella del romanzo), ma anche i rumori della stazione al di là del finestrino, canzoni che il lettore sta ascoltando o che sono solo emerse dal suo flusso di coscienza, sono epifanìe che si rincorrono e che a volte possono rivelarci un pezzetto di noi stessi che non conoscevamo.

La scenografia è essenziale, ordinata, semplici spazi che ogni personaggio riempie col proprio racconto.

In scena, oltre ad Isabella Valeri, che recita, suona e canta, si cono Carmela De Felice, Tiziana Gioia, Sergio Marziani (voci recitanti), e il cantante Stefano Taglienti.

Nella locandina dello spettacolo c’è una ragazza che tiene una mattonella in mano, la mattonella è scheggiata, ma può essere ancora utilizzata per costruire qualcosa, forse molto, così come le persone, per quanto segnate o a volte sorprese dalla vita, possono ancora, sempre, fare parte di un bel racconto, il loro.

Sandro Coletti

(154)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close