Home News Cinema V Edizione de L’Aquila Film Festival

V Edizione de L’Aquila Film Festival

40
0

La madrina è stata Ambra Angiolini e la rassegna ha compreso 12 film, fra lunghi e cortometraggi, proiettati tutti al Movieplex de L’Aquila, con introduzione, lo scorso 23 novembre, del critico Davide Desiderio, del responsabile artistico Federico Vittorini e dall’assessore comunale Stefania Pezzopane. La Quinta Edizione de L’Aquila Film Festival, organizzata dalla Associazione Claves, si è conclusa sabato con la premiazione, che ha visto vincitori: “Il paese delle spose infelici” di Pippo Mezzapesa quale miglior film, “Checkpoint “di Ruben Amar quale miglior cortometraggio, Nicolangelo Gelormini ,che ha vinto il premio per la regia per “Reset” e “Luminaris” di Juan Pablo Zaramella, con “Flea and fly” di Fernando, che si sono aggiudicati ex aequo il premio per l’animazione. Miglior cortometraggio categoria Abruzzo “Milonga” di Marco Calvise: 12 minuti di puro tango, che, senza alcun dialogo, ma catturando il gioco di sguardi, di corpi e di piedi, riesce a raccontare una storia d’amore e di passione per il ballo e a renderla più piccante con l’insolito ménage à trois finale. L’Autore, laureato in saperi e tecniche dello spettacolo all’Università la Sapienza di Roma, ha iniziato come attore e ballerino in teatro, per poi passare dietro la macchina da presa, realizzando cortometraggi ed operando anche come assistente alla regia. “Milonga” dimostra che, davvero “il tango è un pensiero triste che si balla”, attraverso protagonisti eccellenti, capaci di trasmettere sentimenti ed emozioni solo con i movimenti, con una attenta regia coadiuvatoada un’ottima fotografia, che riesce a coglierli e a trasmetterli allo spettatore, rendendo il cortometraggio piacevole anche per chi è lontano dal mondo del ballo. Ballo ad altissimo tasso erotico, citatittissimo in vari film, il tango ed la sua progenitrice “milonga”, sono protagonisti di “Lezioni di tango” di Sally Potter e “Tango” di Carlos Saura, capolavoro del 1993. Una memorabile scena di tango, poi, è presente in Evita di Alan Parker (1996), ballato dai due protagonisti: Madonna e Antonio Banderas. Com’è noto la struttura armonica del tango argentino, deriva dalla Payada e dalla Milonga Criolla (arrivata dalla campagna attraverso i Gauchos), l’Habanera (portata dagli schiavi liberati) ed il Tango Andaluz (dagli spagnoli). “Milonga” è un vocabolo che significa parola, confusione, litigio, e il genere nasce nei primi anni del XIX secolo, nelle case da ballo frequentate da gente povera o comunque non benestante, entrando da protagonista in quel fenomeno che si conosce come “de ida y vuelta”, perché i generi viaggiavano dall’America all’Europa e vicevers, a acquisendo trasformazioni e adattamenti in ogni regione specifica. Tornado al Festival de L’Aquila, il vincitore del premio più importante: “Il paese delle spose infelici”, è una eccellente opera prima, con una storia di innocente triangolo fra tre adolescenti, costruita per piccoli sguardi, brevi squarci di esistenza legati dal filo rosso dei sentimenti e dei ricordi d’infanzia (soprattutto per chi è stato adolescente negli anni Novanta). Mezzapese riesce a traferire dallo schemo la sensazione bruciante di un ginocchio sbucciato, l’odore di un campo appena arato, le luci e i suoni di un giro sul tagadà, l’eterno fascino di una Madonna laica dallo sguardo infelice. Momenti che segnano il primo passaggio all’età adulta e che affascinano e ammaliano il pubblico meno per le sfumature psicologiche che evocative, più per la loro forza “affascinatoria” che per un’eventuale compiutezza narrativa. Molto bravi i tre protagonisti: Alyn Prandi, Rolando Ravello e Valentina Carnelutti. Due parole, infine, sul duro “Ceckpoint” di Ruben Amar, premiato anche (e sempre il 26), alla XVIII° edizione del Medfilm Festival a Roma, accurato resoconto degli orrori della guerra, realizzato con grande rigore stilistico ed un senso di profondà umanità (il trailer su : http://www.youtube.com/watch?v=jo5FQv_SHW4 e http://www.rubenamar.net/films/checkpoint ).

(40)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close