Home News Cinema Avati (ri)punta all’oro
Avati  (ri)punta all’oro

Avati (ri)punta all’oro

43
0

(di Carlo Di Stanislao) Ha taciuto per quattro anni Pupi Avati ed ha molto riflettuto prima di girare questo nuovo film, che intende interrompere un periodo di creatività dubbia e non proprio entusiasmante, con autentici scivoloni come Ma quando arrivano le ragazze?, La seconda notte di nozze, La cena per farli conoscere, Il figlio più piccolo e al disgraziatissimo, per noi cinefili aquilani, “Gli amici del bar Margerita”, ultima proiezione del Massimo prima del terremoto del 6 aprile 2009, quando tutto si è fermato, anche quella storica, gloriosissima sala.
Ci riprova, dicevamo, con “Un ragazzo d’oro”, con Scamarcio che è Davide Bias, un creativo pubblicitario col sogno di scrivere qualcosa di bello, ma che vive di ansia e insoddisfazione e che un giorno incontra la sensuale editrice Ludovica (Sharon Stone), interessata a pubblicare un libro autobiografico che suo padre, sceneggiatore di serie B, ha lasciato a metà. Il libro, naturalmente, lo scriverà lui, come se a farlo fosse suo padre questo lo aiuterà a riconciliarsi finalmente con la figura paterna, ma non a risolvere le sue inquietudini.
Il plot è banale, ma speriamo che Avati riservi delle sorprese, come era accaduto negli anni precedenti i ’90, con pellicole come in “Bordella”, “La casa dalle finestre che ridono”, “Cinema”, “Una gita scolastica”.
Il cast completo di “Un ragazzo d’oro” si compone di, otre a Riccardo Scamarcio e Sheron Stone, Cristiana Capotondi , Giovanna Ralli , Cristian Stelluti, Osvaldo Ruggieri, Tommaso Ragno, Sandro Dori, Fabio Ferrari, Antonio Caracciolo, Fabrizio Amicucci, Vanni Fois, Michele, Viola e Patrizio Pelizzi e sarà nelle sale dal prossimo 18 settembre, con il 76enne regista bolognese che non è stato accolto a Venezia, ma non ne ha fatto un dramma, sicuro dell’affetto e della stima che il pubblico italiano nutre nei suoi confronti.
In attesa di vedere gli esiti, segnaliamo che è il primo film italiano della ancora affascinante Sheron Stone che, pochi mesi fa, si era lamentata del caos che c’era sul set durante le riprese, tra giornalisti e fan.
Il trailer è visibile su http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/pupi-avati-un-ragazzo-d-oro-per-sharon-stone/176458/175162.
Il film è stato girato contemporaneamente a ‘Il bambino cattivo’, film tv con Donatella Finocchiaro e Luigi Lo Cascio sul tema della separazione visto da un figlio dodicenne, trasmesso in occasione della Giornata mondiale dei diritti dei bambini e a ‘Un matrimonio’, altro film-tv che racconta l’Italia degli ultimi 60 anni attraverso l’amore tra Francesca (Micaela Ramazzotti) e Carlo (Flavio Parenti), affiancati nella narrazione da Christian De Sica, Katia Ricciarelli, Andrea Roncato e Valeria Fabrizi.
Il livelo di questi due prodotti non lascia devvero sperare in un risorgimento avatiano.
Intanto, una mostra intitolata: “Pupi Avati. Parenti, amici e altri estranei”, curata dal giornalista e critico cinematografico Andrea Maioli per la Cineteca di Bologna, si è tenuta a palazzo D’Accursio dal 2 giugno al 14 agosto, ed ha fatto il punto sul cinema di Avati che ha il suo punto di forza e di debolezza fitto intreccio tra la vita autobiografica e la realtà inventata delle storie; proponendo una selezione di foto di scena dei raffrontate con alcune delle immagini personali, dell’archivio romano di famiglia, aperto al curatore da Pupi e dal fratello Antonio; tracciando così un percorso parallelo tra finzione cinematografica e momenti di vita vissuta in cui spesso le immagini si sovrappongono con volti e situazioni riemergono nella creazione filmica. Una pellicola srotolata ha guidato il visitatore tra film, fotografie, sogni e realtà, sulla linea di confine, ha detto Maioli, “tra reale e irreale, tra biografia e fanta-biografia, tra verità e bugia”.
Ora sappiamo che l’autobiografismo dichiarato nasconde trappole e trabocchetti e sappiamo bene anche, che la memoria cinematografica e visionaria si compone di tasselli che vanno a formare un puzzle più complesso di quanto possa sembrare a una frettolosa e disattenta visione che smarrisce i confini dell’autobiografia per attingere a quelli della fantasia, dando vita di volta in volta a una creatura di Frankenstein che si compone di frammenti di pelle e di vissuto.
Del resto lo stesso Federico Fellini ci mette in guardia quando dice che il regista è un grande bugiardo, finendo poi per celare dietro le sue storie visionarie e oniriche  riferimenti privatissimi, come di recente rivelato da Gianfranco Angelucci in “Segreti e bugie”.
Ma Fellini è Fellini ed Avati, nonostante la buona partenza ed il lavoro come sceneggiatore con Pasolini, non è mai stato della stessa statura del grande conterraneo.

(43)

tags:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close