Home News In Italia quattro universitari su dieci lavorano
In Italia quattro universitari su dieci lavorano

In Italia quattro universitari su dieci lavorano

69
0

In Italia quattro universitari su dieci lavorano, in media con i colleghi europei. Ma nel nostro Paese la maggior parte ha solo impieghi saltuari, mentre all’estero prevalgono quelli con lavori continuativi. È quanto emerge dall’Indagine comparata Eurostudent, presentata questa mattina dalla Fondazione Rui, finanziata dal Ministero dell’Università e realizzata in collaborazione con Doxa. “Soprattutto nei Paesi nordici è spesso l’università a offrire posti -spiega Giovanni Finocchietti, curatore della ricerca in Italia-. Fanno i bibliotecari, i camerieri nei bar degli atenei, gli assistenti nei laboratori”. È una settimana lunga quella degli studenti-lavoratori: devono dedicare ai due impegni almeno 47 ore, che superano le 50 quando si è stanno frequentando la laurea magistrale o specialistica. “Le ore dedicate al lavoro aumentano con l’età -aggiunge Giovanni Finocchietti-, perché l’esigenza di essere autonomi è più stringente”. L’indagine viene realizzata ogni tre anni in 25 Paesi europei.

Rispetto alle generazioni precedenti, gli universitari italiani lavorano comunque di meno. Nel 2000 ben il 54% degli studenti aveva un impiego. “Poi con la riforma del sistema universitario si è scesi al 30% -spiega Giovanni Finocchietti-. Negli atenei c’erano più corsi e più ore di didattica in classe. Ora siamo al 39% perché dal 2004 sono stati posti dei limiti massimi di corsi per anno. Si è pertanto liberato del tempo, che molti dedicano al lavoro”. Tra gli studenti di “origine sociale non privilegiata” il 41,6% lavora, ma anche fra i figli dei laureati quasi il 30% ha un impiego. “È la conferma che non si lavora soltanto per una motivazione economica”, sottolinea Giovanni Finocchietti.

Uno studente su quattro in Italia inoltre ha iniziato a lavorare prima di iscriversi all’università, tanto che il 13% ha iniziato la carriera universitaria due anni dopo il diploma, mentre l’11% ha aspettato solo un anno. Nel nord Europa queste percentuali sono ancora più alte: in Danimarca, per esempio, il 38% ha atteso uno o più anni prima di scegliere di proseguire gli studi. Come del resto fanno i loro colleghi irlandesi (34%), Finlandesi (28%) e Norvegesi (24%). Nell’est Europa invece quasi tutti gli universitari (90%) non hanno mai abbandonato gli studi, così come in Francia e Spagna. In Germania, Austria e Svizzera i giovani fanno scelte simili agli italiani. (dp)

(69)

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close