Home News Cinema Trionfo a Stelle e Strisce per la Musini
Trionfo a Stelle e Strisce per la Musini

Trionfo a Stelle e Strisce per la Musini

33
0

(di Carlo Di Stanislao) – Daniela Musini, scrittrice ed attrice rosetana, che oggi vive a Pescara,  è stata una Duse appassionata e struggente nella sua ultima notte a Pittsburgh, dove la Divina morì il 21 aprile 1924, portando in scena il suo recital/concerto Gabriele ed Eleonora. Una passione scarlatta”, con una prima il 30 maggio e la replica la sera successiva, in un allestimento voluto dal  Console Generale d’Italia a Philadelphia Luigi Scotto e dal Console Onorario d’Italia a Pittsburgh, Carla Lucente, realizzato con la collaborazione delle Associazioni Abruzzesi Delco e Delaware Walley.

Un monologo palpitante,  punteggiato da immortali musiche eseguite al pianoforte dalla Musini stessa e con applausi a scena aperta da parte del pubblico, con tanto di standing ovation alla fine di entrambe le esibizioni, che hanno commosso ed appassionato anche oltreoceano.

Il recital-concerto, composto  da una prolusione iniziale di trenta minuti in cui si racconta in modo fluido e aneddotico la vicenda artistica e privata della straordinaria artista, cui segue un’ora incentrata sullo straordinario sodalizio artistico e sentimentale intercorso fra lei e Gabriele D’Annunzio, è tratto
dal libro “Mia Divina Eleonora”, scritto dalla stessa Musini, edito da Ianieri Editore nella collana teatrale “I quaderni di Gioia”,  diretta da Dacia Maraini.

Un testo a cui il volto ieratico della Musini, i suoi occhi di fuoco ed il corpo che si muove sinuoso fra passioni palpitanti, creano un senso avviluppante di totale coinvolgimento, che ha sedotto anche il pubblico americano.

E Pittsburgh ha riservato all’artista abruzzese una straordinaria sorpresa, quello di proclamare, a nome e per conto del  Pittsburgh City Council, il 1° Giugno (data del recital) l’“Eleonora Duse Day”.

Oltre a ciò la Musini è stata, nel suo tour americanospecial guestalla celebrazione, organizzata dal Consolato d’Italia a Philadelphia, per la Festa Nazionale del 2 Giugno e il giorno successivo all’Italian American Heritage Festival; interpretando, in ambo i casi,  in modo toccante e magistrale,  liriche scelte di Gabriele d’Annunzio, accolte da scroscianti applausi da parte del numeroso pubblico.

(33)

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close